top of page
Cerca
  • improntaredazione

MAFIA A PESCHIERA BORROMEO: COSA PUO' FARE IL COMUNE

Le notizie sul coinvolgimento per vicende di mafia di una importante azienda di logistica di Peschiera Borromeo hanno confermato che ormai la presenza della mafia nei nostri territori è un dato con cui dovere fare i conti. Molti di noi pensano alla mafia con alcuni stereotipi classici, mentre la mafia oggi è costituita per la maggior parte da colletti bianchi, persone laureate, esperti di informatica e digitalizzazione, esperti della legge.

In Consiglio Comunale si è recentemente discusso su quali iniziative sarebbe opportuno intraprendere per affrontare un problema serio e di enorme gravità per la convivenza civile e democratica.

Ci ha molto sorpresi il fatto che gli attuali amministratori del Comune ne abbiano però parlato come di un fenomeno che non possa intaccare le istituzioni locali e il Comune. Qualcuno dai banchi della maggioranza ha affermato che “il nostro Comune osserva tutte le leggi e le regole sugli appalti”.

Noi pensiamo invece che, al contrario, il livello di guardia debba essere mantenuto sempre alto in particolare nell'ambito degli appalti di servizi importanti (come la mensa o la raccolta dei rifiuti) e nel settore dei lavori pubblici.

Ad esempio dal 1° aprile Bologna è la prima città italiana ad aver introdotto l'obbligo di pubblicare online sul proprio sito tutti i contratti di subappalto dei suoi fornitori. Un modello che promette garanzia di controllo diffuso e diretto da parte dei cittadini su tutta la procedura dell'assegnazione.

I subappalti vengono registrati con determine dirigenziali, ma poi finiscono in un cassetto che viene aperto solo se sorge un problema o scatta un'indagine. Mentre tenere quei cassetti spalancati fin dall'inizio permette innanzitutto di capire chi di fatto eseguirà i lavori, dopo l'aggiudicazione di un appalto, e nel tempo si può ricostruire una mappa precisa dei rapporti tra aziende che operano nell'ambito dei lavori pubblici di un comune.

Il controllo nelle procedure di assegnazione e di gestione degli appalti richiede innanzitutto modalità operative nel lavoro degli uffici comunali coordinato e con form che consentano la totale tracciabilità di ogni decisione e procedimento.

Il controllo dovrebbe poi essere fortemente accentuato nel corso dei lavori soprattutto là dove non vengono osservate le norme sulla sicurezza nei cantieri (e a Peschiera Borromeo ne abbiamo viste di ogni specie recentemente nei lavori di manutenzione delle strade).

Ma c'è di più. Il Sindaco dovrebbe sentirsi in dovere di promuovere un comitato locale che si riunisca permanentemente e che coinvolga associazioni di categoria di imprenditori, esercenti e commercianti e che monitori la situazione in aree sensibili. Parliamo ad esempio dei luoghi nei quali vi sono giochi d'azzardo, slot machine e quant'altro. Proseguire quindi nella digitalizzazione dell'ente, avviare accordi di collaborazione con le istituzioni per il contrasto all'usura, alla corruzione e al riciclaggio; effettuare patti di integrità su appalti, servizi e forniture; dotarsi di un regolamento comunale sul gioco d'azzardo e il monitoraggio e il controllo delle opere finanziate. Il rapporto con le agenzie delle banche sarebbe fondamentale per intervenire con iniziative preventive verso fenomeni come l'usura. Come si capisce stiamo parlando di un modo diverso di operare da parte di Polizia Locale, Servizi tecnici e legali, servizi sociali del Comune.

Pertanto va bene mettere una targhettina sugli alberi di via Galvani con i nomi di Falcone e Borsellino (che peraltro altre amministrazioni ne avevano omaggiato l'operato e il sacrificio contro la mafia titolandone il più importante centro sportivo della città), ma forse è il caso di avviare un percorso politico e istituzionale maggiormente adeguato alla situazione.

La repressione di magistratura e forze dell'ordine non basta. È necessario che anche i cittadini e le Istituzioni creino da sé quegli anticorpi culturali e sociali necessari a garantire lo spazio della partecipazione democratica e la garanzia dei diritti per tutti.


22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page