top of page
Cerca
  • improntaredazione

EL DIALETT MILANES

EL MARUCHIN DE PORTA VENEZIA

Quand vu a ca a la sera al semafer de porta venezia troeuvi semper un maruchin che el fa la spoeula fra i machin

che se fermen al russ.

Queschì el te uffriss, a pagament, tri roeuss russ a cinq mila franc. Un pu carr per l'uccasiun,

ma el gà du oeucc de bunn che te fa teberessa.

stu porr omm el camina Tant che speti el verd

avanti e in dre, tant che l'erba del marciapè l'è tuta cunsumada.

Me vegn de pensà, guarda ti se bisogna fa per mangià,

che tristessa a sto mund talvolta el me par quader e no rutund.

E ti maruchin che per vend te fe un surriss cun bela mustra

de tùcc i dent, porta pasiensa, che a Milan nessùnn stà cui mann in mann e la Madunina in cima al domm

la pruedd semper per gli unest e i galantomm.


IL MAROCCHINO DI PORTA VENEZIA

Quando vado a casa alla sera al semaforo di porta Venezia trovo sempre un marocchino che fa la spola fra le macchine che si fermano al rosso.

Questi ti offre, a pagamento, tre rose rosse a cinquemila lire. Un po' care per l'occasione, ma ha due occhi da bonaccione che ti fanno tenerezza.

Mentre aspetto il verde, quest'uomo, cammina avanti ed indietro,

tanto che l'erba del marciapiede s'è tutta consumata.

Mi sovviene un pensiero

guarda che si deve fare per mangiare; che tristezza per questo mondo talvolta mi pare quadro e non rotondo.

E tu marocchino, che per vendere fai un sorriso con bella mostra di tutti i denti,

porta pazienza, che a Milan nessuno stà con le mani in mano e la MADONNINA in cima al duomo provvede sempre per gli onesti

e i galantuomini.


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page